Log in

ARCI PARTECIPERÀ ALLA MANIFESTAZIONE PER LA CULTURA E IL LAVORO DEL 6 OTTOBRE A ROMA

Tutta la rete dei circoli ARCI condivide molte delle rivendicazioni contenute nella piattaforma che convoca la manifestazione del 6 ottobre, che incrociano le linee politiche su cui la nostra associazione da lungo tempo sta sollecitando decisori e istituzioni.

In particolare ci trova concordi la necessità di interventi strutturali nell’intero ambito culturale e di un impegno di spesa dello stato nella cultura allineato a quello di altri paesi europei. Si tratta di investimenti, infatti, e non di semplice spesa, capaci di costruire percorsi di emancipazione, formazione e crescita della cittadinanza.

Per questo è importante che il lavoro nella Cultura e nei Beni Culturali sia tutelato, che vengano valorizzate le competenze delle numerose professionalità della cultura, al pari di ciò che accade in altri paesi europei, affinché’ diventi un volano significativo dello sviluppo del nostro paese invece di essere sistematicamente frustrato.

Il nostro sforzo come associazione è da sempre quello di riannodare in mille modi diversi e attraverso tanti linguaggi il rapporto tra il mondo della cultura e le persone, a partire da proposte di alfabetizzazione culturale fino a sperimentazioni innovative.

Secondo la nostra visione del mondo la cultura è uno spazio pubblico primario al cui interno tutti e tutte possano trovare occasioni percorsi di crescita, di dialogo e autorealizzazione.

Siamo convinti che la cultura sia condizione necessaria per l’autodeterminazione della vita, singola e collettiva. La cultura è strumento di inclusione. L’accesso alla cultura favorisce l’uguaglianza tra le persone. La cultura è una formidabile fonte di piacere, uno strumento possibile contro la disperazione del nostro tempo.

Perché, come recita lo slogan della nostra tessera sociale di quest’anno, serve più cultura per ridimensionare la paura che attanaglia il nostro presente.

Condividiamo con voi l’opportunità di definire con norme più chiare il contributo del volontariato alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio, anche allo scopo di dare un contorno trasparente e definito alle tante possibili sinergie tra operatori professionali del settore e tutte le forme di organizzazione in cui si articola il vasto universo dell’associazionismo socioculturale, specie di carattere giovanile.

Insieme a voi vogliamo rompere il silenzio che circonda il mondo della cultura.

Articoli correlati (da tag)

Felicità è partecipazione

 

La libertà non consiste banalmente nel fare ciò che si vuole, ma nasce dall’aggregazione tra gli individui, sorge quando ci si sente soggetti attivi nelle decisioni.

Log in or Sign up

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Query Database